DI PISA: “CAAB, ACCELERIAMO SULLA SULLA POLIFUNZIONALITÀ”

 

Nella foto Valentino Di Pisa (Il Resto del Carlino).

E’ soddisfatto Valentino Di Pisa, presidente di Fedagro Mercati nazionale dopo l’inaugurazione, avvenuta ieri, della Nuova area mercatale del Centro agroalimentare di Bologna (Caab).

“Stiamo scrivendo un nuovo capitolo per l’economia nazionale e bolognese – ha detto Di Pisa – perché sugli spazi che lasciamo liberi si svilupperà il Parco agroalimentare Fico Eataly World, un progetto che permetterà alla nostra città di essere sempre più conosciuta nel mondo. Come presidente Fedagro, poi, sono contento che sia dato risalto a un anello della filiera che non è sempre considerato per quello che esprime”. Vale a dire 11 milioni di tonnellate di ortofrutta commercializzata, 12-13 miliardi di fatturato e 35.000 addetti.

“Ci siamo cuciti addosso un vestito e ora usufruiremo di nuovi spazi, più razionali. Un progetto logistico importante che abbiamo condiviso, integrando le esigenze di tutti, e che spero sarà gratificante per tutti i grossisti. Per loro, il trasferimento sarà un momento delicato, ma è altrettanto vero che la nuova struttura permetterà di riorganizzare le movimentazioni, anche con nuove attività e servizi per gli operatori della filiera”.
Ma Di Pisa, ieri, si è tolto un’altra soddisfazione. In presenza del ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, si è detto deluso per la scomparsa dal Collegato agricoltura dell’art. 11 che riconosceva ai centri agroalimentari il ruolo strategico di piattaforme logistiche nazionali. E Martina, una volta sul palco della Nam, ha dovuto rispondere (pubblicamente). Confermando che il tema della logistica è decisivo per il comparto dell’ortofrutta e che “è fondamentale un salto di qualità”.

Secondo Martina, infatti, il Piano nazionale della logistica recentemente approvato dal Consiglio dei ministri dimostra che il ruolo dei Mercati all’ingrosso virerà in tal senso. Un’innovazione operativa per “spingere” sulle piattaforme, un’accelerata verso il rilancio dei Centri agroalimentari. Nell’agenda del presidente Di Pisa, poi, c’è ancora la questione degli orari. “Un tema al centro dell’attenzione anche di Fedagro Giovani – che, nel frattempo ha raggiunto 32 iscritti – e che discuteremo il prossimo 11 maggio in Confcommercio a Roma per affrontarlo sulla base dell’esperienza del Car e delle richieste di dettaglianti e grande distribuzione organizzata”.

 

Da Italiafruit News: https://bit.ly/22cePNb

Previous APERTURA DIURNA DEL MERCATO? BERGAMO SPACCATA
Next INAUGURATA NUOVA AREA MERCATALE, IL NUOVO MERCATO ALL'INGROSSO DI BOLOGNA

About author

Editor review

Summary

I TEMPI SONO MATURI. E IL PASSAGGIO DALL'ORARIO NOTTURNO A QUELLO DIURNO E' INELUDIBILE PER VALORIZZARE LE AZIENDE CHE OPERANO ALL'INGROSSO , RESTITUENDO LORO QUELLA CENTRALITA' OGGI PERSA.

Ti Potrebbe Interessare Anche

MONTRESOR NOMINATO NEL CDA DI VERONAMERCATO

  L’Assemblea dei soci di Veronamercato ha rinnovato l’organo amministrativo confermando la composizione a cinque membri per ragioni di adeguatezza organizzativa e considerata la complessità dell’attività della società e l’ampiezza della compagine societaria

DI PISA SU DL SOSTEGNI: “BENE L’ELIMINAZIONE DEI CODICI ATECO, MA NON BASTA”

  “Accogliamo con soddisfazione quanto richiesto con tenacia dalla nostra Federazione, e cioè l’eliminazione dei codici ateco per far ottenere un ristoro anche alle aziende italiane rimaste escluse ma ugualmente

In Evidenza

AUMENTO DEI COSTI A CARICO DEI GROSSISTI, SETTORE IN DIFFICOLTA’

È indubbio che stiamo attraversando un periodo molto particolare, dove, causa principale gli effetti della pandemia da covid 19, la nostra economia ha subito forti e bruschi contraccolpi. In questo